Cronaca cultura scuola teatro

All'”Ariston” di  Marcianise, applausi per il “Miseria e nobiltà” degli allievi del “Ferraris–Buccini”  

Al teatro  “Ariston “ di Marcianise gli allievi dell’Isis “Ferraris–Buccini”, guidati dal Dirigente scolastico Domenico Caroprese,  si sono esibiti per la prima volta portando in scena la commedia in tre atti di Eduardo Scarpetta, ‘Miseria e Nobità’, sotto la sapiente regia delle docenti Abbate Annamaria, Brillante Rosa e Parillo Giuseppina.

Allievi, genitori, ospiti, dirigenti scolastici degli istituti del territorio, rappresentanti delle associazioni “Uniti per…” e “Liberamente onda”, comitato genitori ed altri hanno creato un’atmosfera di attesa simile a quella della “prima” dei  teatri. Alle ore  20.00 si sono spente le luci e ‘una maschera’, rappresentata dal prof. Dario Olivetti nelle vesti di un  anziano signore ha dato il via alla serata tenendo un breve monologo di grande attualità sul divario che sempre di più esiste tra poveri e ricchi (che non sono i miseri e i nobili) e sulla permanenza del sentimento amoroso che anima la vita degli esseri umani. Rotto il ghiaccio si è aperto il sipario e tre splendide ragazze Concetta (Pamela Papaccio), Pupella (Rosa Russo) e Luisella (Mariateresa Petino) hanno interpretato la vecchia e sempre nuova storia della lotta per la sopravvivenza. Gli  allievi che hanno interpretato la parte dei “miseri” hanno gestito  con tatto  le difficoltà improvvisando battute  in dialetto  napoletano e talvolta  marcianisano, mentre i “nobili” sono stati attenti alla  loro dizione, diversificando i vari personaggi. Tutti  hanno recitato divertendosi, osando  piccoli rilanci e caratterizzazioni, nate dalla padronanza del testo e dalla vis comica della situazione e sentendo la responsabilità dell’interdipendenza dei ruoli. Ed ancora … ballerini,  cantanti e  musicisti, coordinati dal prof. Guido Tazza, si sono esibiti esprimendo le proprie doti convinti che la danza, la musica ed il teatro  siano il  canale privilegiato per una sana educazione ai sentimenti ed  all’emotività. La serata si è conclusa con il saluto del dirigente scolastico a tutta la comunità scolastica che, raccolta intorno ai suoi alunni per elogiarli ed applaudirli, ha reso possibile l’ottima riuscita dell’evento. Un plauso va anche ai docenti Principe Oreste e Chiariello Salvatore, che hanno posto in essere una scenografia di così alta qualità.