comuni Cronaca società

Equitalia/ Avete ricevuto la lettera in queste ore? Ecco cosa fare

Lettere ai contribuenti

Di seguito, vista la novità e le nuove disposizioni di legge in materia di riscossione, e raccolti i dubbi sorti in molti utenti, che ci hanno contattato, abbiamo pensato di pubblicare i dati confermatici da Equitalia che rassicura i contribuenti.

Centinaia di lettere di Equitalia sono piombate in questi ultimi giorni nelle cassette postali di numerosi ignari contribuenti. E altre migliaia, arriveranno sicuramente entro la fine del mese. Chi le riceve può pensare al peggio: il testo è piuttosto criptico, e fa riferimento alla “definizione agevolata” e a una qualche cifra da pagare. Che cosa è? Che cosa è successo?

In effetti per i contribuenti che chiedono una dilazione del pagamento, secondo la nuova legge in materia Tributaria che affida il servizio ad Agenzia delle Entrate-Riscossione ad inizio  2017, la richiesta potrà essere fatta fino al termine del 31 marzo 2017 con il modulo DA1. Numerose le incomprensioni verificatesi tra gli utenti. Ecco con un po’ di calma cosa fare.

Equitalia sta inviando ai contribuenti una lettera per informarli su eventuali cartelle, ancora non in loro possesso, che potrebbero rientrare nella definizione agevolata

La legge prevede che il provvedimento si applichi alle somme riferite ai carichi affidati a Equitalia tra il 2000 e il 2016 e che Equitalia debba inviare, entro il 28 febbraio, una comunicazione per posta ordinaria sulle somme che le sono state affidate entro il 31 dicembre del 2016 e che a questa data non risultano ancora notificate. Sono lettere che servono a informare i cittadini su eventuali debiti a loro carico, in tempo utile per aderire alla definizione agevolata. Il termine ultimo per la presentazione della domanda, infatti, è fissato dalla legge al prossimo 31 marzo. Nella lettera sono indicati gli estremi con cui poter immediatamente identificare l’atto di riscossione e l’ammontare del debito. Per richiedere la definizione agevolata per tali importi è sufficiente indicare il numero dell’atto nella domanda da presentare a Equitalia.

Per aderire alla definizione agevolata è necessario compilare il modulo DA1 in ogni sua parte. Il termine ultimo di adesione è il
31 marzo 2017.
Il modulo può essere compilato anche on line. Al termine della compilazione sarà necessario stamparlo, firmarlo e presentare la domanda:

Oltre al modulo DA1, i contribuenti possono trovare anche le istruzioni aggiornate per la compilazione e le risposte alle domande più frequenti (faq).
Equitalia dovrà inviare, entro il 31 maggio del 2017, una comunicazione ai contribuenti che hanno aderito in cui sarà indicata la somma dovuta, insieme ai relativi bollettini con le date di scadenza dei pagamenti. Per chi sceglie una sola rata la scadenza è fissata nel mese di luglio 2017. Chi preferisce pagare in più rate potrà chiederne fino a un massimo di cinque. In questo caso la scadenza della quinta rata è fissata a settembre del 2018.

Modalità di pagamento
È possibile pagare con la domiciliazione bancaria, oppure in banca, e anche con il proprio home banking, agli uffici postali, nei tabaccai, tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, sul nostro portale, con l’App Equiclick o direttamente ai nostri sportelli.

One thought on “Equitalia/ Avete ricevuto la lettera in queste ore? Ecco cosa fare

Comments are closed.